Sicurezza ed Immigrazione 2016 - Situation Report

Quello che i media ogni tanto "dimenticano" di dire...

Un altro anno volge al termine ed arriva per tutti il momento di tirare le somme; le aziende, le famiglie, nonché la Pubblica Amministrazione, tutti dobbiamo renderci conto di cosa abbiamo fatto in questo contorto 2016 programmando, anche un minimo, il Dallesco (Grande Lucio) "anno che verrà".

La notizia da cui trae spunto questa analisi non è proprio da "topo del web"... anzi di web c'è ben poco; il 27 novembre do come sempre un'occhiata alla rassegna stampa... "cosa è successo oggi nel mondo?"...

Beh, è morto Fidel Castro! Qualunque sia il colore di ognuno di noi indubbiamente è stato un Uomo che ha segnato la storia del nostro Pianeta... e tutte le prime pagine ovviamente erano incentrate, con gusti e toni più o meno condivisibili, sulla sua scomparsa.

Altro che Fidel... questi signori scrivono a "caratteri cubitali" un qualcosa che, da addentrato nella materia, mi suona come spaventoso! Com'è possibile che questa notizia mi sia sfuggita sugli altri quotidiani? Devo approfondire...

Edicolante, gentilmente mi favorisce "Il Tempo"?
Non c'è!

La faccio molto breve... giro mezza Palermo alla ricerca del quotidiano ma nulla, ma veramente vuoi trovare una copia di un giornale made in Roma Capitale?

Santo web!
La testata giornalistica, con copia acquistabile anche online, c'è... ecco, finalmente la mia copia (costa appena un euro): http://edicola.iltempo.it/iltempo/books/161127iltempo/#/1/

Quindi, andando a "spulciare" (credevo io) la notizia, finalmente tocco con mano cosa hanno da dire i giornalisti Dario Martini e Grazia Maria Coletti (addirittura due... esagerati!).

Dai vediamo a che pagina sarà st'articolo qui... pagina 2??? Ma come? E Fidel? Ma poi a pagina 2 non stanno forse le notizie IMPORTANTI??? Vabbé, non m'interessa (forse)...
Quindi l'argomento non è trattato nei soliti "piccoli trafiletti"... tre pagine sono tre pagine!

Ora, dal punto di vista "economico", non essendo un esperto della materia, non mi addentrerò affatto... anche se è palese che l'Italia non può più permettersi esborsi di alcun tipo quando intere famiglie sono ormai sotto la soglia di povertà... ma l'immigrazione è business, mettiamocelo in testa e... punto... non continuo.

L'aspetto Sicurezza invece per anni è stato il mio pane... e magari qualcosa su cui ragionare insieme l'avrei!

Prima di tutto, chi sono questi signori che ci stiamo mettendo dentro casa? 8.074 Persone accolte in un solo anno ed una sola Provincia sono un numero assurdo... specie se non se ne conosce natura ed atteggiamento!

Non parlo di cosa serva per sfamare ed accudire queste persone... cinicamente parlo da Addetto alle Informazioni Operative (degli otto anni vissuti con le stellette, gli ultimi tre questo facevo per mangiare!).

Come da titolo questa è un'analisi, un SITREP (in linguaggio NATO Situation Report), quindi se "autorizzo" l'ingresso ad una massa di persone devo conoscerne il OBBLIGATORIAMENTE il DENA:


Ho principiato scrivendo "aprono 8 caserme"...

Come da Trattato CFE (Treaty on Conventional Armed Forces in Europe), documento di EQUILIBRIO redatto da tutti i paesi membri della NATO e dell'ex patto di Varsavia, il numerico medio del personale operativo in un comune Reggimento di Fanteria è di 1.000/1.200 unità... questi sono più di 8.000!!!

Tradotto in soldoni, tutti gli eserciti "firmatari" devono avere un certo equilibrio delle proprie forze belliche... Tu Italia, cosa te ne fai di 50.000 carri armati, vorrai mica invadere qualcuno?

A questo servono i trattati, a questo serve dichiarare ai propri Amici di quali forze disponi... anche forze umane!

Se la mia mente "contorta" (anche se direi più appropriatamente addestrata) quindi equipara 8.074 individui ad 8 caserme il perché adesso è chiaro!

Il potenziale italiano quindi è noto a tutti... non sono poi atti così secretati! Ed il potenziale passivo ed incontrollabile italiano? Anche quello è chiaro?

Ma i nostri Amici sono anch'essi d'accordo con la nostra politica perbenista e del tutto aperta al prossimo... a discapito di ogni basilare norma di sicurezza per un intero Paese?

Cosa occorre per richiedere asilo politico... in Italia!

Per effettuare questa ricerca non mi sono perso più di tanto... facciamo la prova insieme: vai su Google, scrivi "chiedere asilo politico in italia" e...
Beh... 112.000 risultati in 0,35 secondi... la dice lunga!

La ricerca fatela pure voi, non citerò uno solo dei siti raggiunti... aggiungo solamente che nel nostro Paese per richiedere asilo politico occorre semplicemente presentarsi nel posto giusto senza documenti attestanti la propria identità, raccontare la storia giusta, et voilà, noi cittadini italiani non sappiamo chi abbiamo dentro!

Comprendo benissimo che ci saranno migliaia di storie tristissime e vere, ma il mio mestiere non è il parroco!

Il chirurgo che amputa una gamba non deve pensare alle due dita che non sono in cancrena, ma a salvare la vita del proprio paziente! Tu che stai leggendo in passato mi hai pagato ed addestrato per fare questo...

Per fortuna la politica viene in contro al desiderio bramoso di pubblica sicurezza togliendo ogni strumento (e possibilità) di difesa... e giù con decreti antiterrorismo atti solamente a ridurre le possibilità di possesso di armi agli onesti cittadini italiani che legalmente avrebbero intenzione di detenere per potersi difendere; ormai il possesso di un'arma garantito da una giusta giurisprudenza è paragonabile solamente ai quiz di scuola guida... i quiz infatti non devono valutare che l'allievo sia preparato... l'importante è che quando mette "la crocetta" abbia ben letto che il "non" si trovi o non si trovi al posto giusto (o sbagliato)!

B7, B4, caricatori ed affini infondono la più assoluta sicurezza nei cuori e nelle menti di tutti noi! (tematiche già affrontate negli articoli Armi? Finalmente qualcuno dice "La Verità!", Riduzione caricatori... e dintorni, Il controllo degli Esplodenti in Italia).

Le nuove norme di sicurezza negli stadi (anno 2005)

No, non ho perso il senno, tanto meno andato "fuori tema"; in passato, nel redarre Piani Provinciali Antiterrorismo, ciò che era me richiesto (e fondamentale) era la disposizione di personale operativo atto a contrastare l'eventuale minaccia.

Anche negli stadi è la stessa cosa, esistono dei precisissimi rapporti proporzionali tra gli spettatori di un evento sportivo e le Forze dell'Ordine presenti ed attive sul campo... tralasciando gli altri sistemi di difesa passiva (quale ad esempio la video sorveglianza, come pubblicato su puntosicuro.it).

Una domanda... 8.074 unità che sono autorizzate ad occupare il suolo italiano, 8.074 individui che potranno legittimamente entrare in un solo anno ed in una sola provincia; qual è il rapporto proporzionale tra occupazione ed eventuale difesa?

La mia domanda, così come questa analisi, NON HA un colore politico; se le persone che vanno in uno stadio per divertirsi possono anche finire con il litigare, fare a botte... e necessitano dell'intervento delle Forze dell'Ordine... vuoi mettere che anche per i futuri ospiti qualche scaramuccia possa nascere?

Non è che tutti gli 8.074 sono Heidi o Cappuccetto Rosso, secondo il calcolo delle probabilità (specie sui grandi numeri) qualche Lupo Cattivo in mezzo dovremmo pur metterlo!

Quindi con un rapporto di 1 a 100, quindi un Agente ogni 100 futuri ospiti (in malam partem), ci aspettiamo per il 2017 nuove assunzioni nella Polizia di Stato (ad esempio), di cui 80 unità solo per la provincia di Roma!

Bene! Lo vedi come l'immigrazione è un business che giova a tutti!!!

Conclusioni

Potremmo stare a parlare (o meglio scrivere) per ore, abbiamo preso in esame solamente il numerico autorizzato e previsto per l'anno che verrà (Grande Lucio) sulla provincia di Roma... ma io ho un SITREP da consegnare.

Porca miseria, in otto anni di servizio mai un rimprovero... mi sa che questa volta l'ho fatta grossa...

IO?

---
Marco Milazzo
Perito Esperto in Armi, Munizioni, Balistica ed Esplosivi
Consulente Tecnico dell'Autorità Giudiziaria
www.indaginibalistiche.it
Facebook Linkedin Twitter Google+ Pinterest

Etichette: ,